COMUNICATO AL PERSONALE: EMERGENZA COVID-19 INDICAZIONI RIENTRO IN ITALIA DA PAESI ESTERI

Facendo seguito al Comunicato al personale del 20 novembre scorso in merito ai comportamenti da adottare per il contenimento del contagio da Covid-19, ti informiamo che il DPCM del 3 dicembre 2020 e la circolare del Ministero dell’Interno del 5 dicembre 2020 hanno introdotto nuove disposizioni per la circolazione sul territorio nazionale e per gli spostamenti da/per l’estero, relativamente al periodo compreso tra il 4 dicembre 2020 e il 15 gennaio 2021. In particolare, nel caso di soggiorno o transito in Paesi esteri sono previste differenti misure in base a quanto indicato dall’Allegato 20 del suddetto Decreto, che raggruppa gli Stati in elenchi e individua per ciasuno di questi specifiche limitazioni per l’ingresso in Italia. Pertanto, laddove tu ti sia recato all’estero in uno dei Paesi di cui agli elenchi A,B,C,D ed E, è tuo onere darne sempre immediata comunicazione all’Azienda, consegnando alla tua Funzione di Gestione – prima del rientro al lavoro – l’autodichiarazione allegata al presente Comunicato. Inoltre, ti evidenziamo con specifico riferimento agli spostamenti dai Paesi indicati negli elenchi C, D ed E, che dovrai attenerti pedissequamente alle indicazioni di seguito riportate: a) qualora tu abbia soggiornato/transitato in un Paese di cui all’Elenco C dell’allegato 20 del DPCM del 3 dicembre 2020: • dal 4 dicembre al 20 dicembre 2020 e dal 7 gennaio al 15 gennaio 2021, dovrai aver effettuato, nelle 48 ore antecedenti all’ingresso nel territorio italiano, un test molecolare o antigenico, a mezzo di tampone, con esito negativo. In caso di mancata presentazione dell’attestazione relativa al test molecolare o antigenico prescritto, dovrai rispettare un periodo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria di 14 giorni dall’ingresso in Italia; • dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, dovrai rispettare un periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario di quattordici giorni dall’ingresso in Italia; b) qualora tu abbia soggiornato/transitato in uno dei Paesi di cui all’Elenco D o all’Elenco E dell’allegato 20 del DPCM del 3 dicembre 2020, dovrai rispettare un periodo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 14 giorni dopo essere rientrato nel territorio nazionale. Nell’ipotesi in cui il tuo ingresso in Italia sia avvenuto mediante volo “Covid tested”, conformemente all’ordinanza del Ministro della Salute del 23 novembre 2020, rientrerai tra le eccezioni all’obbligo di isolamento fiduciario, sorveglianza e obbligo di tampone di cui all’art. 8, comma 7, lettera p) del DPCM del 3 dicembre 2020. Per quanto conncerne, inoltre, soggiorni o transiti nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, ti invitamo ad attenerti alle misure indicate nell’Oridnanza del Ministero della Salute del 20 dicembre 2020, con cui si dispone il divieto d’ingresso in Italia per chiunque vi abbia soggiornato/transitato nei 14 giorni precedenti. Si prevede altresì, per tutti coloro che – anche se asintomatici – si trovino nel territorio nazionale e che nei quattordici giorni antecedenti alla data del 20 dicembre u.s. abbiano soggiornato o transitato in Regno Unito, l’obbligo di COMUNICATO AL PERSONALE: EMERGENZA COVID-19 INDICAZIONI RIENTRO IN ITALIA DA PAESI ESTERI. RisorseUmaneOrganizzazione IndicazioniRientroInItaliaDall’Estero comunicare immediatamente l’avvenuto ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e di sottoporsi a test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone. Ti ricordiamo, infine, che sei comunque tenuto ad adottare pedissequamente tutte le ulteriori misure di contenimento del contagio da Covid-19 previste dalla normativa nazionale nonché a rispettare gli ulterori obblighi che le singole Regioni potrebbero imporre a chi proviene da alcuni Stati o territori esteri.

COMUNICATO AL PERSONALE

AUTODICHIARAZIONE PER RIENTRO IN ITALIA DA PAESI ESTERI